Le affermazioni contenute in un documento licenziato dalla commissione parlamentare sui rifiuti, riguardanti la discarica di Piombino, dove sarebbero stati smaltiti “100 fusti di mercurio” sono destituite di qualsiasi fondamento e/o anche soltanto di verosimiglianza.

Le indagini su presunti illeciti compiuti da aziende di Livorno e sui rapporti che queste hanno avuto anche con la discarica di piombino, sono in corso. Da quanto reso pubblico dagli inquirenti e per quanto riguarda la discarica di Piombino, non è mai emersa questa fattispecie di reato. Anche perché in nessuna occasione e per nessun motivo si sono smaltiti fusti contenenti alcunché.

Share This