Rimateria prende atto della chiusura delle indagini sul traffico di rifiuti e altri reati che avrebbero avuto il loro fulcro in due aziende di Livorno e che – secondo la ricostruzione dell’accusa – coinvolgerebbero anche la discarica piombinese.

Rimateria ribadisce di aver sempre rispettato le procedure ed è certa di poter dimostrare – anche nell’eventualità di un rinvio a giudizio – la correttezza del proprio operato. A questo riguardo ricorda di aver sempre effettuato i controlli secondo le autorizzazioni di legge e le prescrizioni ricevute dalle autorità competenti.

Nel confermare l’estraneità dell’azienda ai reati ipotizzati, Rimateria conferma ancora una volta la propria piena fiducia nella magistratura.

Share This