testo tratto da Ambient&Ambienti del 29 settembre 2016

 

Save the Waste è un progetto etico di economia circolare nato dall’idea di Pedon azienda leader per la lavorazione, il confezionamento e la distribuzione di cereali e legumi secchi, di riutilizzare in modo innovativo e sostenibile gli scarti di lavorazione dei fagioli.

fagioli_pack-295x400

Il processo inizia con la selezione delle sementi garantite NO OGM coltivate da migliaia di famiglie di agricoltori all’interno di programmi per lo sviluppo economico e agricolo, come l’accordo di coltivazione siglato nel 2013 con due Unions, le cooperative agricole che lavorano nello stato di Oromia della Repubblica Federale di Etiopia.
L’altro passo è stato quello del radivcamento sul territorio..Dalla collaborazione sinergica con due importanti realtà del territorio vicentino, Lucaprint e Favini, ha preso vita in occasione di EXPO 2015, CRUSH Fagiolo, la prima carta ecologica prodotta con gli scarti di lavorazione di legumi non utilizzabili per l’alimentazione umana, in parziale sostituzione di cellulosa da albero, l’unica a essere certificata FSC (cioè dall’Associazione per la gestione responsabile delle foreste), OGM free e per il contatto diretto con gli alimenti, eliminando così la busta interna. Gli inchiostri ecologici e la finestra trasparente in PLA (poliacido lattico), ottenuta sempre da scarti vegetali, rendono il packaging eco-sostenibile. Tutto è riciclabile e rinnovabile come l’energia utilizzata per l’intero processo, dalla produzione della carta fino al confezionamento del prodotto.
Il progetto Save the Waste, oltre all’originalità, ha dalla sua un altro elemento positivo. La partnership tra le tre aziende vicentine – Pedon, Favini e Lucaprint – fortemente radicate sul territorio, testimonia la potenzialità dell’integrazione di filiera che ha consentito di ottenere un packaging innovativo, unico e totalmente sostenibile.

Share This