testo tratto da La Nazione del 17 maggio 2018

IL PROGETTO di risanamento dell’area della discarica di Ischia di Crociano, gestita da Rimateria, prevede anche la realizzazione di aree verdi con percorsi ciclabili, un anfiteatro per spettacoli all’aperto e una completa trasformazione del terreno.

Si tratta di un’area di 70 ettari in cui ci sono 4 discariche di cui una (la Li53) definita come: “cumuli stoccati in modo incontrollato”. «IL NOSTRO piano industriale – spiegano i tecnici di RiMateria – prevede (in dieci anni) la riqualificazione dell’intera area e di tutte e 4 le discariche. A risanamento terminato l’area (di 70 ettari) prevede percorsi didattici, un anfiteatro per spettacoli all’aperto, la produzione di biomasse attraverso piantumazione di bambù.

I lavori sono iniziati con la variante 4, attraverso la regimazione delle acque e la realizzazione dei pozzini di captazione del biogas. Proseguiranno con la messa in sicurezza permanente della Li53 (unici soggetti che la possono bonificare siamo noi) e il riciclo di circa 300.000 tonnellate di scorie.

RiMateria in questi  due anni ha smaltito rifiuti speciali non pericolosi, come la legge consente e prescrive, è riuscita a dimezzare il debito lasciato da Asiu, e ad avviare le opere di messa a norma della discarica, e tutto questo senza chiedere 1 euro ai cittadini».

Share This