testo tratto da La Nazione del 13 settembre 2019

DAL LETAME nascono i fiori, cantava Fabrizio De Andrè. Con un po di fantasia è quello che, in pratica, succede a Peccioli, comune di cinquemila abitanti in provincia di Pisa, dove la discarica Belvedere si è trasformata in un motore economico in grado di produrre ricchezza.

Secondo uno studio di Nomisma, la Belvedere ha prodotto un impatto diretto sul territorio di oltre 20 milioni di euro. Una cifra che sale a 174,7 milioni se si considera il periodo 2004-2016. DA VENT’ANNI questo impianto di smaltimento dei rifiuti tratta fino a mille tonnellate al giorno (circa 300mila tonnellate l’anno), provenienti dalle province di Pisa, Firenze, Prato e Massa Carrara, e produce energia da fonti rinnovabili. Ma non solo. Alla discarica hanno fatto anche sfilate di moda, suonate di Chopin, una lectio magistralis e, tra gli ultimi eventi, un incontro con Marco d’Amore, attore e regista di Gomorra. Non a caso, la discarica è stata considerata la più bella d’Italia.

AL POSTO degli effluvi, infatti, si trovano statue antropomorfe disseminate nell’impianto di smaltimento rifiuti, soprannominate le presenze. Ma c’è molto di più. Qui, infatti, la monnezza si trasforma in welfare: scuola, musei, asili, piste ciclabili, teleriscaldamento, aiuti agli anziani. Infine, grazie ai rifiuti si dà una mano anche alla tecnologia, sperimentando il robot studiato dall’università Sant’Anna di Pisa che consegna spesa e medicinali a domicilio.

SPOSTANDOSI dalla Toscana all’Emilia-Romagna, s‘incontra un altro comune che ha permesso a ogni cittadino di guadagnare dallo smaltimento dei rifiuti 3.500 euro. Si tratta di Sogliano al Rubicone, in provincia di Forlì-Cesena. Il sito di compostaggio della discarica, infatti, da sette anni riceve spazzatura da tutta Italia e, dalla trasformazione dei rifiuti, riesce a guadagnare circa 10 milioni di euro all’anno da riutilizzare in servizi per la cittadinanza. Qualche esempio? Scuolabus gratuiti, sovvenzioni per gli studi universitari, incentivi per l’acquisto della casa e cure termali gratis per gli anziani.

Share This