testo tratto da Il Tirreno del 16 settembre 2018

PIOMBINO. Il 24 settembre è una data particolare per Rimateria, per due motivi. Il primo, è che il presidente Valerio Caramassi, come preannunciato da tempo, presenterà formalmente le dimissioni e andrà in pensione. Nello stesso giorno verrà portato all’approvazione dei soci Asiu l’accordo definitivo appena raggiunto con Unirecuperi, per la cessione del 30 per cento della società. Unirecuperi è già presente nel consiglio di amministrazione di Rimateria con il proprio presidente, Paolo Giovannini, da oltre un anno.

Ovvero dal luglio 2007, quando Rimateria e Unirecuperi firmarono un contratto preliminare di vendita.L’accordo definitivo secondo le previsioni iniziali doveva essere raggiunto a giugno ma le note vicissitudini di Rimateria hanno fatto slittare i tempi di tre mesi.E così martedì scorso l’accordo è stato raggiunto, secondo le condizioni previste dal mandato ricevuto dai soci Asiu il 10 agosto. Questo accordo verrà dunque portato all’approvazione dei soci Asiu il 24 settembre.Resta inalterata la governance pubblica di Rimateria, finché non verrà venduto il secondo 30%.

Share This