Da riciclo plastica benefici economici oltre 2 miliardi. Report Corepla, industria Italia cresce, tra le prime in Europa. L’industria nazionale del riciclo della plastica continua a crescere in Italia, posizionandosi tra le prime grandi economie in Europa, dopo Germania e Spagna.

testo tratto da ansa.it del 26 settembre 2018

Questo il bilancio del ‘Green economy report’ messo a punto da Corepla (il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica) a 20 anni dalla sua istituzione, e realizzato in collaborazione con la Fondazione per lo sviluppo sostenibile.

L’INTERVENTO: Smaltire i fanghi? Una storia italiana (che costa tanto)

testo tratto da Corriere Fiorentino del 26 settembre 2018

di Alfredo De Girolamo*

Caro direttore,

quella dei fanghi è una storia incredibile. La storia di una crisi nazionale generata dal nulla, solo da paura, incapacità di governare, burocrazie cieche. Fino a due anni fa (e per i precedenti 20 anni) i fanghi della depurazione civile della Toscana (circa 130.000 tonnellate anno) sono sempre andati per oltre il 50%, nei terreni agricoli toscani.

Ceduto il 30% a Unirecuperi: unica astensione quella del sindaco di Suvereto, Parodi. Caramassi saluta, Carnesecchi alla presidenza: assumo l’incarico per spirito di servizio. Rimateria, il primo ok ai privati arriva senza voti contrari.

testo tratto da Il Tirreno del 25 settembre 2018

PIOMBINO. Nessuna sorpresa ieri mattina nella sede di Rimateria, dove l’assemblea dei soci Asiu (assenti i Comuni di Castagneto Carducci e Sassetta) ha dato via libera all’accordo con Unirecuperi che prevede la cessione del 30 per cento delle quote all’azienda emiliana

L’azienda: «Senza l’attività dei tecnici e dei lavoratori di Rimateria non sarebbe mai stato possibile attuare il risanamento». Piombino, il Tribunale di Livorno ha dissequestrato la discarica di Rimateria. Sono stati portati a compimento tutti i lavori programmati, e dunque vengono meno le esigenze di cautela in corso da aprile.

testo tratto da greenreport.it del 21 settembre 2018

Ieri il Tribunale di Livorno ha ufficialmente posto la parola fine al girone infernale in cui erano caduti i circa 50 lavoratori impiegati da Rimateria, e soprattutto sulle incertezze che continuavano ad aleggiare attorno ai lavori effettivamente portati avanti dall’azienda attiva a Piombino nell’economia circolare