Materiali riciclati in edilizia? Sei casi concreti. Dal vantaggio dell’inserimento di materiali di scarto nell’industria delle costruzioni ai casi concreti realizzati (anche) in Italia. Una panoramica.

testo tratto da ingegneri.info di ottobre 2017

Lo scorso giugno 2017 è stato pubblicato il Rapporto dell’Osservatorio Recycle, promosso da Legambiente, il cui obiettivo è quello di raccontare e di approfondire i cambiamenti derivanti dall’utilizzo di materiali riciclati anche in ambito edile, sotto la spinta della Direttiva 2008/98/CE, recepita a livello nazionale, che prevede che nel 2020 si raggiunga un obiettivo pari al 70% del riciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione.

Il fallimento epocale della gestione dei rifiuti

testo tratto da stileliberonews.org del 23 ottobre 2017

PIOMBINO 23 ottobre 2017 — Anziché respingere aprioristicamente le richieste dell’assessore Pasquini di un approfondimento sul tema dei rifiuti, i Comuni della Val di Cornia prendano finalmente atto del completo fallimento delle politiche degli ultimi anni sulla gestione dei rifiuti.

Altro che rifiuti zero, in Italia gli scarti da riciclo arrivano a 2,5 milioni di tonnellate l’anno. «Qualsiasi attività di trattamento dei rifiuti produce più o meno scarti». Una realtà con la quale dobbiamo iniziare a fare i conti. Al contempo la domanda di prodotti riciclati cresce più lentamente dell’offerta.

testo tratto da greenreport.it del 20 ottobre 2017

L’economia circolare in Italia è oggi un anello con due grandi strozzature: la domanda di prodotti riciclati cresce più lentamente dell’offerta, e al contempo manca anche uno sbocco adeguato per la gestione degli scarti che – come ogni industria manifatturiera – anche le aziende che operano nel mondo del riciclo a loro volta producono.